HOME > Elenco notizie > Privacy - Provvedimento Garante sui call center extra UE.


05/11/2013

Privacy - Provvedimento Garante sui call center extra UE.


Prescrizioni in materia di trattamento dati personali con call center siti in Paesi non UE.

Privacy - Provvedimento Garante sui call center extra UE.
Con un provvedimento pubblicato nella newsletter del del 30 ottobre 2013, il Garante Privacy ha ribadito le regole cui devono attenersi società e enti pubblici che si avvalgono per le loro attività di customer care o di telemarketing di call center situati in Paesi al di fuori della Unione Europea, dove quindi non sono assicurate le garanzie previste dalla normativa comunitaria.


Inoltre, in base alle modifiche normative apportate di recente nel settore dal Legislatore Italiano, il Garante ha chiesto

- maggiori informazioni per gli utenti

- possibilità di scegliere un operatore collocato sul territorio nazionale

- più trasparenza nel trattamento di dati personali. 

L'Autorità ha avviato anche una ricognizione dei soggetti che si avvalgono dei call center stabiliti fuori dall'UE, verificando i tipi di operazioni effettuate e le modalità di trasferimento adottate.

Per le chiamate in entrata, in linea con le prescrizioni dalla normativa in vigore, i call center dovranno adottare procedure specifiche per dare all'utente la possibilità di scegliere un operatore collocato sul territorio nazionale.

D'ora in poi, inoltre, i titolari dal trattamento che intendono trasferire (o affidare) il trattamento di dati personali a un call center situato in Paesi extra UE dovranno prima darne comunicazione al Garante, utilizzando un modello che sarà messo a disposizione sul sito dell'Autorità quando il Provvedimento sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

I call center che già operano in Pesi extra UE dovranno invece informare il Garante entro 30 giorni dalla pubblicazione del provvedimento nella Gazzetta Ufficiale, avvenuta nella Serie Generale n.266 del 13-11-2013.



Fonte : Redazione UNIREC

Tags : privacy call center extra UE, provvedimento garante, privacy recupero crediti UNIREC