HOME > Elenco notizie > Diritto del lavoro - novità dalla Legge di Stabilità.


19/01/2014

Diritto del lavoro - novità dalla Legge di Stabilità.


Lo scorso 27 Dicembre è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 la Legge n. 147 riguardante le disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (c.d. Legge di stabilità 2014), operativa dal 1' gennaio 2014.


Ecco in sintesi cosa introduce sul fronte del Lavoro:


Comma 22
Per l'anno 2014 viene riconosciuto un incentivo pari ad 1/10 della retribuzione lorda mensile ai fini previdenziali per ciascun lavoratore stabilizzato per un massimo di 12 mesi. 

Comma 132
Le imprese che incrementano la base occupazionale, rispetto all'anno precedente, con assunzioni a tempo indeterminato, hanno diritto, a partire dal 1° gennaio 2014, ad una deduzione per l'IRAP. L'importo deducibile, nel limite massimo di 15.000 euro a persona, spetta per l'anno di assunzione e per i due successivi. Nel calcolo del personale va computato anche quello, eventualmente ridotto, delle società collegate o controllate ex art. 2359 c.c. . Il risparmio effettivo dell'IRAP è pari a 585 euro per tre anni.

Comma 135
La legge n. 92/2012 ha previsto un contributo aggiuntivo, sui contratti a tempo determinato, pari all'1,40%, destinato a finanziare l'ASpI, con l'eccezione di quelli a carattere sostitutivo, di quelli stagionali, dell'apprendistato e di quelli nei quali parte del rapporto è una Pubblica Amministrazione.
L'art. 2, comma 30, della legge 92/2012  aveva previsto che in caso di trasformazione del rapporto, il datore di lavoro potesse recuperare gli ultimi sei mesi di contribuzione aggiuntiva, con la possibilità che, qualora il rapporto non fosse stato trasformato ma l'assunzione a tempo indeterminato fosse, comunque, avvenuta entro i successivi sei mesi, il recupero dell'1,40% poteva avvenire sottraendo le mensilità trascorse tra la fine del contratto a termine e la successiva assunzione. Ora, in caso di trasformazione il datore di lavoro può recuperare tutta la contribuzione aggiuntiva (e non soltanto sei mesi  - come previsto dall'art. 2, comma 30 della legge 92/2012 -) versata per tutta la durata del contratto. Sembra che l'agevolazione introdotta vale soltanto per le trasformazioni e non per le assunzioni effettuate nell'arco temporale dei sei mesi successivi, per le quali resta in vigore la vecchia disposizione.

Comma 136
E' stato abrogato il comma 39 dell'art. 2 della legge n. 92/2012 che avrebbe consentito alle Agenzie di somministrazione di ridurre dal 4% al 2,6% l'aliquota contributiva prevista dall'art. 12, comma 1, del D.L.vo n. 276/2003 in favore degli Enti bilaterali del settore.

Comma 491
Nel 2014, per i co.co.co. e co.co.pro. pensionati e per gli iscritti ad alla gestione separata, l'aliquota da versare (2/3 a carico del committente e 1/3 a carico del collaboratore) alla gestione separata (art. 2, comma 26, della legge n. 335/1995) per i collaboratori coordinati e continuativi anche a progetto, sale al 22%, mentre nel 2015 arriverà al 23,5%.



Fonte : Redazione UNIREC

Tags : legge stabilita' 2014, novita' lavoro