HOME > Elenco notizie > Diritto del lavoro - Audizione del Garante Privacy su call center.


24/09/2014

Diritto del lavoro - Audizione del Garante Privacy su call center.


Nell'ambito dell'indagine conoscitiva MISE sui rapporti di lavoro presso i call center in Italia.

Diritto del lavoro - Audizione del Garante Privacy su call center.
Il 23 settembre, in Commissione Lavoro, nell'ambito dell'indagine conoscitiva MISE sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano, si è tenuta l'audizione del Presidente dell'Autorità Garante della Protezione dei Dati Personali, Antonello Soro.
 
In premessa, Soro ha messo alla luce una priorità: mantenere l'equilibrio tra i diritti delle aziende e degli utenti, rispettivamente di stimolare la domanda attraverso il telemarketing, e di non subire campagne pubblicitarie invadenti ed aggressive.

Entrando poi nel vivo dell'argomento, ha specificato come non sia evidenziabile una relazione tra la rilevata crisi del settore dei call center e i provvedimenti adottati dalla Autorità: si tratta di 23 attività ispettive presso operatori di call center, che hanno portato a 47 sanzioni per violazione delle norme sull'informativa e il consenso.

Al riguardo Soro ha tenuto a ricordare che le società hanno l'obbligo di formare regolarmente i proprio operatori, e di adottare tutte le opportune misure di sicurezza e di tutela dei dati sensibili presenti a sistema.

Tra l'altro, Soro si è anche soffermato sulla delocalizzazione selvaggia, come fenomeno determinante il rischio del trattamento illecito dei dati personali.
Un allarme, a detta del Garante, ingiustificato: la delocalizzazione, infatti, pur in aumento, resta una scelta residuale, mentre la gran parte delle attività rimane concentrata sul territorio nazionale.
Al riguardo è stata comunque avviata con l'omonima Autorità albanese un'attività congiunta di accertamento e controllo.

Un rischio invece concreto è quello connesso alla vulnerabilità dei dati nei casi di piccole società che delegano tutte le attività di marketing a società estere, senza effettuare verifiche.
Per questo, Soro ha ritenuto auspicabile l'introduzione nell'ordinamento di una norma a prevedere la corresponsabilità tra la committente e la società che effettivamente opera, tale da obbligarle a maggiori verifiche prima di effettuare una commessa.

 


Fonte : Redazione UNIREC

Tags : call center, indagine MISE, audizione Soro, Garante privacy