HOME > Elenco notizie > Diritto del lavoro - informazioni e indicazioni sul Jobs Act.


16/12/2014

Diritto del lavoro - informazioni e indicazioni sul Jobs Act.


Collaborazioni e contratti

Diritto del lavoro - informazioni e indicazioni sul Jobs Act.
Il 15 dicembre è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale (serie ordinaria n. 290) la Legge 10 dicembre 2014, n. 183, meglio nota come "Jobs Act".

(Nella foto: il tweet con cui Matteo Renzi ha diffuso la foto della firma del testo.)


Si tratta di una Legge delega, con cui il Parlamento conferisce al Governo la funzione legislativa per intervenire sulla riforma del lavoro.
La realizzazione della riforma avverrà attraverso decreti attuativi specifici, che dovranno essere approvati entro sei mesi dalla entrata in vigore (il 16 dicembre).
Riguardo al primo, cioè il decreto attuativo che istituirà il contratto a tempo indeterminato a protezioni crescenti, sembrerebbero esserci dei ritardi rispetto alla tempistica originaria: non entrerà quindi in vigore il 1 gennaio, ma solo nella seconda metà del mese.


UNIREC E IL JOBS ACT

Già mentre il Jobs Act veniva discusso, UNIREC ha promosso una intensa attività di contatto con diversi referenti istituzionali:
- per rappresentare le proprie posizioni nonchè perplessità e preoccupazioni degli imprenditori;
- per tutelare le realtà che sinora hanno prodotto occupazione;

 inviando memorie dettagliate sulle buone prassi del settore, testi condivisi con la Commissione Lavoro della Camera e con il Ministero del Lavoro;

attraverso una serie di incontri con rilevanti esponenti politici della Commissione Lavoro, della Segreteria del PD (Dipartimento Economico del prof. Taddei) e del Parlamento.

Tra questi, di particolare peso l'incontro con il Sen. Prof. Ichino, già relatore al Senato del disegno di Legge delega, in questi giorni è impegnato nella stesura dei decreti attuativi. A lui UNIREC invierà tra breve una nota specifica sulle collaborazioni coordinate e continuative, focalizzata sulle considerazioni degli elementi che risultano meno sostenibili, con l'intento di poter orientare la stesura dei decreti.

Nel corso della prossima settimana sono previsti altri confronti, in particolare con il Presidente della Commissione Lavoro, On. Damiano, al quale verranno nuovamente sottoposte le istanze associative.


E LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE?

Pur se il Jobs Act fa riferimento ad un "superamento" delle collaborazioni coordinate e continuative, dalle prime proposte al momento in discussione sembrerebbe prevalere un orientamento diverso, che lasci spazio, almeno in una prima fase, alla sussistenza del lavoro "parasubordinato", anche se rimodulato.
Il lavoro autonomo coordinato e continuativo non dovrebbe essere eliminato, ma vi si dovrebbero applicare alcune tutele, oggi riconosciute solo ai lavoratori subordinati.

Dato che al momento non è possibile conoscere come si articolerà il testo, in relazione ai contratti in scadenza al 31.12.2014, in via prudenziale, sarebbe opportuno stipulare i nuovi contratti di collaborazione coordinata e continuativa entro il 23 dicembre e con decorrenza 31 dicembre 2014.

Così facendo, la regolamentazione del rapporto di lavoro nel corso dell'anno nuovo, 2015, troverà la propria fonte in un contratto stipulato nel 2014 e con decorrenza nel medesimo anno, pur se nell'ultimo giorno.


Fonte : Redazione UNIREC

Tags : jobs act, attivita' UNIREC, collaborazioni coordinate e continuative recupero crediti