HOME > Elenco notizie > Privacy - consultazione del Garante sul Codice di deontologia e buona condotta.


14/10/2015

Privacy - consultazione del Garante sul Codice di deontologia e buona condotta.


Privacy - consultazione del Garante sul Codice di deontologia e buona condotta.
Il 13 ottobre è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il "Codice di deontologia e di buona condotta per il trattamento dei dati personali effettuato a fini di informazione commerciale" promosso dal Garante Privacy.

Entrerà in vigore il 1 ottobre 2016, per lasciare agli operatori il tempo necessario per adeguare le proprie banche dati e sistemi informativi alle nuove prescrizioni.
Dopo quella data sarà considerato illecito ogni trattamento di dati personali con finalità di informazione commerciale attuato in modo non conforme.

Quello delle aziende di informazioni commerciali viene riconosciuta come attività cruciale per il corretto funzionamento del mercato.
"Grazie al loro lavoro di valutazione della situazione economica, finanziaria e patrimoniale, sono in grado di segnalare eventuali rischi relativi a soggetti in affari."
Un settore delicato, in cui l'assenza di misure innovative e regole aggiornate "può arrecare seri danni alla dignità e alla riservatezza delle persone coinvolte  nel  caso, ad esempio, in cui venissero raccolte e utilizzate informazioni inesatte, non aggiornate o che devono rimanere private."


CORRETTO USO DEI DATI SULLA AFFIDABILITA' COMMERCIALE DI IMPRENDITORI E MANAGER: ECCO ALCUNE DELLE NUOVE MISURE.

 Utilizzo di sole fonti pubbliche o di informazioni liberamente comunicate dall'interessato.

Oltre alle consuete "fonti pubbliche" (registri pubblici, documenti aperti a tutti - come bilanci, informazioni del registro imprese presso le Camere di commercio, atti immobiliari o su pregiudizievoli - come gli atti giudiziari, ad esempio iscrizione di ipoteca, trascrizione di pignoramento, ecc.) per la prima volta, si potranno utilizzare anche i dati estratti da "fonti pubblicamente e generalmente accessibili da chiunque".

Ok quindi a testate giornalistiche, informazioni attinte da elenchi telefonici, siti web di enti pubblici o altre autorità di vigilanza e controllo.
Ma in questo caso non più vecchie di sei mesi.

 Utilizzo di sole informazioni liberamente comunicate.
Cioè i dati personali che il soggetto ha liberamente voluto comunicare al fornitore di informazioni commerciali.
Si possono utilizzare anche i dati di persone fisiche o giuridiche che aventi legami economici o giuridici con l'interessato.

Informazioni sicure, sempre aggiornate e pertinenti.
Bisogna curare l'aggiornamento continuo dei dossier, limitanosi alle informazioni pertinenti, e adottare adeguate misure a garanzia di sicurezza, integrità e riservatezza.

Riscontro agli interessati.
E' obbligatorio garantire un riscontro telematico, tempestivo e completo alle richieste in materia di privacy avanzate dalle persone censite.


Per scaricare il pdf del Codice >> clicca qui. >>



(Fonte: comunicato stampa Garante Privacy del 13 ottobre 2015)

Fonte : Redazione UNIREC

Tags : privacy, codice deontologia, informazioni commerciali