HOME > Elenco notizie > Riforma del settore - UNIREC chiede modifiche al testo base.


21/09/2012

Riforma del settore - UNIREC chiede modifiche al testo base.


L'Associazione compatta: importante recepire le istanze del settore, o l'attività rischia di scomparire.

Il 12 settembre scorso, la Commissione di Giustizia della Camera dei Deputati ha approvato come testo base il provvedimento presentato dall'On.le Rossi.

 
> Per leggerlo sul sito della Camera clicca qui.
 
> Per scaricarlo in pdf dal sito della Camera clicca qui.
 
 
UNIREC ha da subito espresso la sua ferma contrarietà al fatto che la formulazione continua a non tener conto delle istanze definite dall'Assemblea degli iscritti UNIREC del febbraio scorso.
Istanze che l'Associazione ha formalizzato in una memoria, redatta da un apposito tavolo tecnico, depositata  alla Commissione Giustizia della Camera dei Deputati nell'aprile 2012, a seguito di formale audizione.
 


IN SINTESI ECCO LE ISTANZE DI UNIREC:

1.
 
Mantenere il controllo del settore sotto il Ministero dell'Interno.

Perchè:
- è preposto alla Sicurezza e all'Ordine Pubblico dello Stato.
- da sempre conosce l'attività del recupero crediti, la controlla e la regolamenta, intervenendo con numerose Circolari.
Rappresenta quindi il baluardo più autorevole per mantenere alta la protezione su questo comparto, e per continuare a scongiurare  comportamenti deviati e infiltrazioni criminali.

Sostituirlo con il Ministero di Giustizia significherebbe perdere tutte queste garanzie.


2.

- Identificare nel Ministero dell'Interno il soggetto demandato a riscrivere in forma organica, più moderna ed attuale l'attività del comparto, oppure
- modificare la composizione dell'istituendo Organismo di controllo, dando un peso significativo ad UNIREC e alla bilateralità.
 
Queste istanze sono pienamente condivise sia dal Ministero dell'Interno che da ADICONSUM,  attivi anche loro affinchè il disegno di legge le recepisca.
 

UNIREC ha preso contatti con i diversi attori coinvolti (relatore del testo base, Presidente della Commissione On. Giulia Bongiorno, parlamentari, etc.) e sta portando avanti ogni tipo di iniziativa per fare in modo che le necessità e le specificità degli operatori del settore vengano salvaguardate.

E' impensabile, infatti, che un comparto così importante e delicato rischi di venire stravolto - o peggio fatto scomparire - dagli effetti di una riforma in contrasto con le sue stesse caratteristiche e bisogni.
 
Il termine ultimo per il deposito di eventuali emendamenti alla Commissione è stato fissato al 10 ottobre prossimo.

L'Associazione ha già attivato un tavolo dedicato alla redazione della nuova memoria da presentare al più presto.

 

 


Fonte : Redazione UNIREC

Tags : riforma settore credito, modifiche testo base ddl 4583