HOME > Elenco notizie > Tutela del settore - Le professioni non regolamentate.


26/02/2013

Tutela del settore - Le professioni non regolamentate.


Le associazioni professionali in un elenco sul sito internet del Ministero dello Sviluppo economico.

Tutela del settore - Le professioni non regolamentate.

La Legge 4 del 14 gennaio 2013 che disciplina le professioni non regolamentate è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 26 gennaio 2013 ed è entrata in vigore il 10 febbraio.

La norma si occupa di tutte le professioni non organizzate in ordini o collegi, definite come "attività economiche volte alla prestazione di servizi o di opere, esercitabili mediante lavoro intellettuale, che però non risultano riservate per legge a soggetti iscritti in albi o elenchi".

E' bene precisare che risultano escluse le professioni sanitarie e le attività e i mestieri artigianali, commerciali e di pubblico esercizio, già disciplinati da specifiche normative.

Saranno quindi coinvolti oltre 2 milioni di professionisti.

Ad esempio: designer d'interni, conservatori dei beni architettonici, archeologi, restauratori, amministratori di condominio, pubblicitari, informatici, fotografi e - anche se inseriti nell'elenco che redigerà il Ministero per lo sviluppo economico - gli esperti per il recupero crediti.
 

I professionisti interessati dalle nuove leggi potranno costituire associazioni professionali di natura privatistica, su base volontaria, senza alcun vincolo di rappresentanza esclusiva per:
- valorizzare le competenze degli associati
- garantire il rispetto delle regole deontologiche
- agevolare la scelta e la tutela degli utenti nel rispetto delle regole sulla concorrenza.


Le associazioni avranno un ruolo molto importante:

1) dovranno adottare un codice di condotta (profilo sotto cui UNIREC è da sempre molto attenta)
 
2) promuovere la formazione permanente dei propri iscritti (sistema che UNIREC ha messo a punto dal 2010)

3) vigilare sulla condotta professionale degli associati (che UNIREC assicura attraverso la vigilanza costante del Collegio dei Probiviri)

4) stabilire le sanzioni disciplinari da irrogare agli associati per le violazioni del codice (UNRIEC si è dotata fin dall'inizio di un precido sistema sanzionatorio).


Le stesse associazioni potranno, inoltre, attivare uno sportello per il cittadino consumatore, cui i committenti delle prestazioni professionali possano rivolgersi in caso di contenzioso con i singoli professionisti (la nascita di EBITEC testimonia la forte attenzione di UNIREC verso la qualità del servizio erogato dai propri iscritti).


La nuova legge precisa, poi, che:

alle associazioni è vietato usare denominazioni professionali relative a professioni organizzate in ordini o collegi;

gli associati non possono esercitare attività professionali riservate dalla legge a specifiche categorie di soggetti, a meno che non siano iscritti al relativo albo professionale.
Ad ogni modo, le stesse potranno autorizzare i propri iscritti ad utilizzare il riferimento all'associazione come marchio/attestato di qualità dei propri servizi.

 
Sul sito web delle associazioni saranno pubblicati tutti gli elementi informativi utili per i consumatori:
atto costitutivo e statuto, identificazione delle attività professionali cui l'associazione si riferisce, struttura organizzativa dell'associazione, requisiti per l'iscrizione.

In caso di rilascio di marchi di qualità, le associazioni dovranno pubblicare anche il codice di condotta, l'elenco degli iscritti, le sedi regionali dell'associazione.
 
L'elenco delle associazioni professionali sarà pubblicato sul sito internet del Ministero dello Sviluppo economico.

Questo elenco ha una finalità esclusivamente informativa, non un valore di graduatoria o di rilascio di giudizi di affidabilità da parte del Ministero.

I professionisti non iscritti ad alcuna associazione o iscritti ad associazioni non presenti sul sito del Ministero potranno comunque svolgere l'attività.

Tuttavia UNIREC sta dialogando con le associazioni che hanno fortemente voluto questa riforma, ad esempio  il COLAP (Coordinamento libere associazioni professionali) per verificare le migliori modalità per l'iscrizione di UNIREC nell'elenco Ministeriale.

 
 
Per approfondire vedi anche:
 
  • il sito del CNEL 
 
 
 
  • la notizia sul sito del Ministero del Lavoro
  •  
     

    Fonte : Redazione UNIREC

    Tags : professioni non regolamentate, UNIREC, elenco ministero sviluppo,